Four Poems by Franca Mancinelli in John Taylor's Translation






from Pasta madre [Mother Dough], in At an Hour’s Sleep from Here: Poems (2007—2019)


cucchiaio nel sonno, il corpo

a spoon in sleep, the body


cucchiaio nel sonno, il corpo

raccoglie la notte. Si alzano sciami

sepolti nel petto, stendono

ali. Quanti animali migrano in noi

passandoci il cuore, sostando

nella piega dell’anca, tra i rami

delle costole, quanti

vorrebbero non essere noi,

non restare impigliati tra i nostri

contorni di umani.


a spoon in sleep, the body

gathers the night. Swarms buried

in our chests arise, spread

their wings. How many animals

migrate within us, 

passing through our heart, halting 

on the curve of a hip, among the branches

of the ribs, how many

would rather not be us, 

not be ensnared

between our human contours.


darò semplici baci di sutura

I’ll stitch up with simple kisses


darò semplici baci di sutura

verserò saliva a ogni giuntura

sarò sbucciata e dolce ai denti.

Ogni mattino ti coglierò un pugno

di fiori dal selciato.


Per te avrò aghi sempreverdi

e sboccerò ogni inverno per bruciarmi.


I’ll stitch up with simple kisses,  

pour saliva into every joint,

be peeled and sweet to teeth.

Every morning I’ll pick you a fistful

of flowers from the cobblestones.


For you I’ll have evergreen needles

     and bloom every winter to burn myself up.


from Libretto di transito [The Little Book of Passage]


Nel tuo petto c’è una piccola faglia

There is a small fault line in your chest


Nel tuo petto c’è una piccola faglia. Quando lo stringo o vi poso la testa c’è questo soffio d’aria. Ha l’umidità dei boschi e l’odore della terra. Le montagne vicine con i loro torrenti gelati. Da quando l’ho sentito non posso fare a meno di riconoscerlo. Anche quando, uno dopo l’altro, nella tua voce passano uccelli d’alta quota, segnando una rotta nel cielo limpido.

La faglia è in te, si allarga. Un soffio di freddo ti attraversa le costole e ti sta scomponendo. Non hai più un orecchio. Il tuo collo è svanito. Tra una spalla e l’altra si apre un buio popolato di fremiti, di richiami da ramo a ramo, su un pendio scosceso a dirotto, non attraversato da passi umani.

There is a small fault line in your chest. When I hug your chest or place my head on it there is this puff of air. It has a woodsy moistness and an earthy smell to it. The nearby mountains with their frozen torrents. Ever since I have heard it, I cannot help but recognize it. Even when high—soaring birds fly one after the other through your voice, marking out a route in the clear sky.

The fault line is inside you, it is widening. A chilly gust of wind blows through your ribs and is decomposing you. You no longer have an ear. Your neck has vanished. Between one shoulder and the other one opens a darkness peopled with shivers, with voices calling out from branch to branch, on a sheer slope uncrossed by human steps.


from Tutti gli occhi che ho aperto [All the Eyes that I have Opened]

translated from Italian into English by John Taylor 


Luminescenze 

Gleams 


corro. E sto fermo all’incrocio   

dove rallenta, precipita                                                  


per una legge di gioia si trasforma. 

Non credo ai muri divisori. 

Chiudo gli occhi, e attraverso l’immagine.


I’m running. And standing at the crossroads    

where it slows down, falls


is transformed by a law of joy. 

I don’t believe in partition walls.

I close my eyes, and go through the image.


*


lungo la rete di sangue asfaltato

le ceneri dei luoghi

aspettano di viaggiare

come polvere sacra.


on the asphalt—blood network

the ashes of places

expect to travel

as sacred dust. 


*


ritorno, ascolto l’aria. E poi salto.

I dove sono tutti provvisori.                                      

Crescono come rami. 


I come back, listen to the air. And then jump.

The where’s are all provisional.

They grow like branches.  


*


punto gli occhi e si compie 

la mia area, il cerchio della vita. 


I point my eyes and my area

is rounded off, the circle of my life. 


*


negli occhi chiusi una sorgente 

di pupille—luminescenze 

trascorse tra globi 

custodi di un’unica immagine 

gravitante nella polvere esplosa.


in closed eyes a wellspring

of pupils—gleams

gone by between globes

guardians of a single image

gravitating in the exploded dust. 


*


l’infinito dei morti 

espande un’altra galassia.  

Il rosso nel buio continua 

a sfociare nel mare                            

dove siamo senza corpo accucciati. 


the infinite dead

expand into another galaxy.

The red within the dark keeps

flowing into the sea

where we crouch bodiless.


These texts have appeared in the reviews Azonal, Bengaluru, Right Hand Pointing, and Osiris. 

Comments

  1. Stunning images, especially the one about 'migrating animals'

    ReplyDelete

Post a Comment

Popular Posts